Il Tevere, fiume di Roma nell'antichità

Prezzo di listino / Regular price $45.00

Tasse incluse / Taxes included

A cura di: J. Le Gall
Anno edizione: 2005
Isbn: 88-7140-276-6
Materie: Archeologia, Storia romana
Formato: 17x24
Pagine: 456

L’opera di Joël Le Gall è l’unica che con autorevolezza descrive il ruolo del Tevere nella storia di Roma antica dalle origini fino alla decadenza. Partendo dalla ricostruzione del regime fluviale nell’antichità, la narrazione prosegue con la descrizione del rapporto tra il fiume e le origini di Roma, della navigazione fluviale, delle corporazioni dei battellieri e della tipologia delle imbarcazioni, dei ponti, delle installazioni fluviali, dei progetti di regolazione delle piene del fiume da Cesare a Traiano, dell’organizzzazione dei magistrati per il controllo del fiume e delle sue rive, i curatores alvei Tiberis et riparum Urbis, con i relativi problemi giuridici in relazione alla demanialità delle rive e della stessa acqua. Da questo libro veniamo a conoscenza di come dai porti di Claudio e di Traiano ogni genere di mercanzia risaliva la corrente sulle naves caudicariae tirate da uomini per giungere a Roma dopo tre giorni. Il volume si conclude con la descrizione del percorso del Tevere e dei suoi affluenti nella Naturalis Historia di Plinio il Vecchio e con la citazione di un bellissimo brano dell’Octavius di Minucio Felice, una passeggiata sulla riva del mare ad Ostia. L’opera di Joël Le Gall, da anni esaurita nell’edizione francese, viene riproposta nell’edizione italiana aggiornata al 1990 dallo stesso autore.

Sommario:

Perché una nuova edizione?.
Premessa alla prima edizione.

PARTE PRIMA – I dati geografici:
Capitolo primo – Le caratteristiche del fiume nell’epoca attuale:
I. – Il bacino
II. – Il clima
III. – Il regime del fiume

Capitolo secondo – Nell’antichità:
I. – I mutamenti visibili ed il problema del clima
II. – Il problema del regime fluviale

Capitolo terzo – Genitor urbis.

PARTE SECONDA – Dalle origini all’epoca classica:
Capitolo quarto – Il fiume e gli uomini nei secoli oscuri del Lazio

Capitolo quinto – Il periodo pre-classico:
I. – La navigazione fluviale
II. – Il richiamo del mare
III. – Il porto e l’avamporto

Capitolo sesto – Le prime infrastrutture:
I. – I ponti
II. – Le installazioni portuali.

PARTE TERZA – L’epoca classica:
Capitolo settimo – I grandi lavori:
I. – Il progetto di Cesare
II. – I lavori di Augusto
III. – La regolamentazione del fiume a monte di Roma

Capitolo ottavo – I curatori del Tevere:
I. – Storia dell’istituzione
II. – La terminazione delle rive del fiume
III. – La terminazione delle rive del fiume e il diritto
IV. – L’attività dei curatori

Capitolo nono – Le rive, le banchine e i ponti di Roma:
I. – La necropoli dimenticata e le banchine
II. – Le banchine
III. – I ponti

Capitolo decimo – Le imbarcazioni fluviali:
I. – Le «lintres»
II. – Le «scaphae» e i «lenunculi»
III. – Le «naves caudicariae»

Capitolo undicesimo – Il ruolo geografico del Tevere in epoca classica:
I. – Il ruolo marittimo
II. – Il ruolo regionale
III. – Il ruolo urbano
IV. – Conclusioni

Capitolo dodicesimo – Le ultime sistemazioni urbane lungo il fiume:
I. – Le mura Aureliane,
II. – I ponti
III. – Le rive,
V – Conclusione

Capitolo tredicesimo – Gli uomini abbandonano il fiume

Conclusioni.

Appendice I – Il testo di Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, III, 5 (9)-53
Appendice II – La passeggiata di Minucius Felix ad Ostia.

Bibliografia.
Indice analitico.