Scienze dell’Antichità 11, 2001-2003

Prezzo di listino / Regular price €93,00

Tasse incluse / Include taxes

Anno edizione: 2005
Collana: Scienze dell'Antichità, 11
Isbn: 88-7140-272-3
Materie: Archeologia
Formato: 21x28
Pagine: 596

Organo del Dipartimento di Scienze Storiche Archeologiche e Antropologiche dell’Antichità, la presente rivista raccoglie in ambiti tematici risultati di ricerche aggregate nella prospettiva di uno studio integrato delle società antiche in tutti i loro aspetti – ambientale, tecnologico, economico, sociale, politico, artistico, ideologico – considerati quali elementi interagenti in sistemi dotati di specifiche dinamiche di trasformazione. Gli studi che in essa confluiscono sono condotti su materiali documentari diversi – archeologici, filologico-epigrafici, ecologico-naturalistici, ecc. – attraverso metodologie e tecniche analitiche parimenti diverse, in vista della convergenza delle discipline in una più ampia reciproca interazione. La collocazione cronologica e geografica va dalla preistoria al tardoantico e al medioevo, anche se gli interessi prevalenti si accentrano nelle età che vanno dalla neolitizzazione vicino-orientale ed europea al mondo greco e romano. L’undicesimo volume, relativo agli anni 2001-2003, comprende saggi articolati in quattro temi che allargano gli interessi scientifici ad un ampio orizzonte geografico, interessando un arco cronologico dall’età preistorica al medioevo.

Sommario:

Lo straniero, il nemico, il vinto: E. Ascalone, L’indigeno e il forestiero: elaborazione di nuovi percorsi culturali integrativi tra seconda metà del III e inizio del II millennio a.C. sul plateau iraniano e in Susiana; D. Nadali, Guerra e morte: l’annullamento del nemico nella condizione di vinto; L. Nigro, La stele di Rimush da Tello e l’indicazione del rango dei vinti nel rilievo reale; L. Peyronel, Commercianti dilmuniti nella Susiana? Evidenze archeologiche ed epigrafiche sulle relazioni culturali tra golfo Persico e Iran sud-occidentale agli inizi del II mill. a.C; F. Pinnock, Donne straniere e donne vinte nella cultura figurativa mesopotamica: donne nemiche. Il suburbio: U. Fusco, Dinamiche insediative nel suburbio nord orientale di Roma tra Repubblica e Principato. Forma e funzione: J. Evans – G. Recchia, Pottery function: trapped residues in Bronze Age pottery from Coppa Nevigata (Southern Italy); F.R. Stasolla, Tra forma e funzione: i mortai nel Medioevo; G. Vallarino, Oggetti per la combustione di aromi da Delo: la forma e l’uso nella terminologia. Monete: Arnaldi, Oceanus su monete ed epigrafi; Bini, Bella questa moneta, come avranno fatto a farla? Troppo semplice la risposta: per coniazione; M. Caccamo Caltabiano – P. Radici Colace, La storia della moneta romana nell’Anonimo del de rebus bellicis tra ideologia e «realtà» economico-monetali; P. Calabria, Dikaiosyne; J.-P. Callu, Les impératrices «pieuses et heureuses»; Cazzella, Contare e pesare nel Mediterraneo centrale durante l’età del Bronzo; F. Ceci, Un solido di Marciano e alcuni aspetti dell’iconografia monetale tra paganesimo e cristianesimo; Cutroni Tusa, La zecca di Agrigento durante la seconda guerra punica; F. della Ratta-Rinaldi, Rinvenimenti monetali da Formello (Roma) e dal suo territorio; G. Dembski, Eine Goldfibel mit Stater Alexander III. aus Carnuntum; Di Vita, Ripostiglio di folles bizantini da Gortina (Creta); G. Gorini, Monete greche dal Polesine; G.L. Gregori, Tra numismatica ed epigrafia: a proposito di congiarium, liberalitas, largitio e munificentia sulle monete e nelle iscrizioni; G. Libero Mangieri, Due tesoretti di monete medievali dall’Italia meridionale; D.F. Maras, Numismatica ed epigrafia. Nuove osservazioni sulle serie a legenda qezi e leqez; Morandi, Osservazioni su alcune leggende monetali etrusche; F. Mori, Numismatique et préhistoire: un rapport indéniable mais submergé; N.F. Parise, Misure siriane e misure mesopotamiche nell’età del Bronzo; T. Pàroli, Monete e Vangeli nell’Inghilterra dell’alto medioevo; P. Pensabene, Su alcune tessere plumbee di uso commerciale; R. Pera, Su di un asse narbonense rinvenuto a Savona; Perassi, La moneta d’oro di Salonino con cornice dagli scavi dell’Università Cattolica di Milano; V. Picozzi, Solido milanese di Antemio con sigla di zecca irregolare; M. Ratto – A. Castellotti, Uno scudo d’oro di Gregorio XIII di cui non rimaneva che la memoria; P. Serafin, Un quinario dorato dal Tevere; L. Villaronga, El denario romano pesado en los tesoros de la Península Ibérica. Recenti scoperte: L. Nigro, Un arredo in terracotta conformato a capitello eolico da Mozia. Conferenze del dipartimento: F. Wendorf – R. Schild, The Late Paleolithic burials at Jebel Sahaba: the earliest known warfare.