Il papato e l’approvvigionamento idrico e alimentare di Roma tra la tarda antichità e l’alto Medioevo

Prezzo di listino / Regular price €24,00

Tasse incluse / Include taxes

Autore: Daniela De Francesco
Anno edizione: 2018
Isbn: 978-88-7140-824-8
Materie: Archeologia, Storia
Formato: 21x29,7
Pagine: 140

La cura annonae e le frumentationes costituiscono notoriamente uno degli aspetti tra i più tipici e profondamente legati alla vita di Roma, unitamente alla cura degli acquedotti, che dovevano assicurare una costante e regolare fornitura di acqua alla città, finalizzata anche al funzionamento dei complessi termali, la cui assidua fruizione rappresentava un altro elemento peculiare della società romana. Il lento passaggio di competenze nella gestione di tali fondamentali servizi che, in un mutato quadro storico, si attua nel corso della tarda antichità e dell’alto medioevo tra l’amministrazione imperiale e la Chiesa romana, costituisce un problema dibattuto e ben noto alla critica storica, affrontato in molteplici studi, ma che necessita di una focalizzazione complessiva. Il presente lavoro si propone, pertanto, di essere una sintetica “messa a punto” delle complesse dinamiche di tale fenomeno e delle tappe successive che hanno portato nel tempo il papato ad affiancarsi e poi a sostituirsi al potere statale, ormai al collasso, nel cruciale campo dell’approvvigionamento di derrate e di acqua, fattori da sempre essenziali e tipici della vita di Roma.

Sommario:

Premessa Capitolo I - Dalle Frumentationes alla fondazione delle domuscultae papali 1 - Annona e frumentationes 2 - Dall’età costantiniana all’epoca di Teodorico 3 - Dal pontificato di Gelasio a quello di Sabiniano 4 - Tra VI e VIII secolo: l’istituzione delle diaconie 5 - Tra VII e VIII secolo: riorganizzazione del patrimonio fondiario ecclesiastico e tendenza all’autorifornimento regionale 6 - La fondazione delle domuscultae papali Capitolo II - Il papato tra il restauro degli acquedotti e il patrocinio della molitura ad acqua 1 - La cura delle acque e il restauro degli acquedotti in epoca tardoantica 2 - I restauri dell’Aqua Traiana ad opera di Onorio I 3 - I restauri di Adriano I e di Gregorio IV ai mulini del Gianicolo 4 - L’itinerario di Einsiedeln e i mulini del Gianicolo 5 - Il mulino presso S. Maria in Cosmedin 6 - L’iscrizione di S. Maria in Domnica 7 - I primi impianti per la molitura nel territorio romano: gli aquimola della massa Camustis 8 – Mulini e domuscultae Capitolo III - Il papato tra balnea, battisteri, pozzi e fontane: l'uso dell'acqua nella Roma altomedievale 1 - I restauri di Adriano I agli acquedotti 2 - Balnea e Chiesa romana 3 - I primi balnea proprietà della Chiesa romana 4 - I primi balnea costruiti per iniziativa ecclesiastica 5 - Il balneum del Laterano 6 - I balnea della basilica di S. Pietro 7 - La diaconia di S. Angelo in Pescheria 8 - Il balneum della Crypta Balbi 9 - L’uso dell’acqua per i battisteri 10 - Pozzi, cisterne, fontane nella Roma altomedievale Bibliografia Elenco delle illustrazioni Indice dei nomi indice dei luoghi