Ritratti funerari di famiglia tra Roma e le Alpi. Costruire la memoria personale nell'Italia romana

Prezzo di listino / Regular price $78.00

Tasse incluse / Taxes included

Autore: Luca Scalco
Casa editrice: Padova University Press
Anno edizione: 2022
Collana: Antenor Quaderni, 53
Isbn: 978-88-6938-293-2
Materie: Archeologia
Formato: 21x29,7
Pagine: 556


I ritratti di famiglia sui monumenti sepolcrali veicolavano un'idea di nucleo domestico adatta alla rappresentazione funebre, cioè che durasse nel tempo e che soddisfacesse le richieste della committenza di definire il proprio orizzonte personale alla comunità che frequentava le necropoli e ai membri superstiti della propria famiglia. L'analisi di questi ritratti illustra gli elementi che caratterizzavano questa comunicazione iconica e ricostruisce come essi venissero assemblati dai committenti  del tempo per delineare la propria identità familiare su sepolcro. Scelte personali  e immagini alla moda delineano dunque un articolato panorama iconografico, che si apprezza nel catalogo di più di seicento monumenti, provenienti dai territori dell'Italia centro-settentrionale e compresi tra il I secolo a.C. e l'inizio del IV d.C. Il volume in questione adotta pertanto una prospettiva ampia, mirata a contestualizzare le immagini nelle comunità che le avevano prodotte e che ne attribuivano significato. Tiene conto delle specificità della famiglia romana, note soprattutto da fonti giuridiche e letterarie, e considera le differenze ce intercorrono tra la famiglia per la società dei vivi e quella della comunità dei morti. Sviluppa quindi lo studio delle immagini e delle mode iconografiche, partendo dalle specificità del supporto monumentale, passando per la definizione degli schemi iconografici e del significato parentale, desunto dalle iscrizioni, e arrivando, poi, alla caratterizzazione del singolo ritratto. Ricostruisce, infine, come erano assemblati questi elementi semantici minimi che caratterizzavano visivamente le famiglie romane, attraverso norme condivise che interagivano attivamente con la realtà sociale e demografica del tempo.


Sommario:



TUTTI I VOLTI. UNO SPACCATO DELLA SOCIET À ROMANA ATTRAVERSO L'ANALISI DEI "RITRATTI DI FAMIGLIA" (Monica Salvadori)

INTRODUZIONE. APPROCCI DI ANALISI DELLA FAMIGLIA ROMANA: ALCUNE QUESTIONI PRELIMINARI

   Archeologia dello studio della famiglia romana
   Rapporti familiari tra norme dei vivi e usanze dei morti
       Patresfamilias: la formazione della coppia e le auspicabili conseguenze
       Cerchie di parentele tra "realtà" demografica e sopravvivenza alla morte
   Per uno studio delle "famiglie di pietra": obiettivi, dati e struttura dell'analisi

I - IL SUPPORTO DEL RITRATTO: STRUTTURE E MODE DECORATIVE

       1. Forme monumentali
             1.1 Rilievi
             1.2 Altari e cippi
             1.3 Stele
             1.4 Gruppi statuari
        2. Oltre il tipo monumentale: altri elementi di impaginazione del supporto
             2.1 Registri singoli e multipli
             2.2 Le forme del ritratto: diffusione, compresenza, duplicazione
       3. Il contesto figurativo della famiglia
             3.1 Elementi generici e mitologici
             3.2 Elementi sacrali
             3.3 Elementi relativi allo status e al lavoro
        4. Una geografia dai confini aperti

II - LA FIMIGLIA A COLPO D'OCCHIO: GLI SCHEIM ICONOGRAFICI
        1. Forme e contesti diversi, approccio unitario
              1.1 Il ritratto tra fisiognomia, distinzione  generazionale e pratiche di bottega
              1.2 Dalla figura alla didascalia? Approccio quantitativo e soluzioni operative
        2. La teoria di ritratto
              2.1 Schemi a 2 ritratti
              2.2 Schemi a 3 ritratti
              2.3 Schemi a 4 ritratti
              2.4 Schemi a 5 ritratti
              2.5 Schemi a 6 ritratti
              2.6 Schemi quadrangolari
              2.7 Schemi triangolari
              2.8 Schemi romboidali
        3. Altri temi
              3.1 Il banchetto funerario
              3.2 Vita familiare
        4. Altri temi
              4.1 Tra omogeneità regionali e Zeitgesicht familiare
              4.2 Rapporti personali e norme di "comportamento" iconografico
        5. Appendice. Distribuzione degli schemi iconografici

III - OLTRE LO SCHEMA: VESTI, ATTIBUTI, GESTI DEFINIZIONE FAMILIARE

        1. Cives e gerarchia: vesti e attributi maschili
              1.1 Vesti maschili: distribuzione generale
                 Toghe
                 Tipi militari ed eroizzazioni
                 Mantelli e tuniche
                 Nudi e busti privi di vestiti
              1.2 Associazioni e semantica razionale
              1.3 Pose ed attributi
                 Pose maschili a complemento della veste
                 Attributi e indicazioni generazionali
        2. La matrona e le mura domestiche: vesti e attributi femminili
              2.1 Vesti maschili: distribuzione generale
                 Tunica e palla
                 Tunica
                 Stola e toga
                 Nudi e busti privi di vesti
              2.2 Associazione e semantica relazionale
              2.3 Pose ed attributi
                 Pose femminili tra tip di statuari e ruolo familiare
                 Attributi e indicazioni generazionali
        3. Gesti e relazioni: una questione di famiglia
              3.1 Sguardi
                Sguardo incrociato
                Sguardo monodirezionale
                Sguardo discosto
              3.2 Dextrarum iunctio
              3.3 Contatti fisici
                Abbraccio
                Mano sulla spalla
                Mano sulla croce
                Altri gesti
        4. Abiti e gesti: due modi di integrazione iconografica

IV - RITRARRE UN'IDEA DI FAMIGLIA TRA PRODUZIONE SOCIALE E PERSONALIZZAZIONE DELL'MMAGINE

        1. Status sociale e contesto di fruizione
              1.1 Persone, monumenti, ambiti
              1.2 Unioni coniugali, serie di schemi e polisemia iconografica
              1.3 Famiglie di città, famiglie di campagna
        2. Rinegoziare lo schema per lavoratori, committenti e defunti
              2.1 Occupazione professionale ed enfasi iconografica
              2.2 Il committente tra potere decisionale e ruolo familiare
                Coniugi
                Genitori
                Figli e fratelli
                Patroni e liberti
              2.3 Morti-viventi: una dialettica complessa
        3. Patresfamilias, pietas e gerarchia: struttura dell'immagine funeraria
              3.1 Il valore del colpo d'occhio e la prospettiva relazionale
              3.2 Ubi tu Gaius ego Gaia: complementarità di genere
              3.3 Faliifamilias tra "orgoglio" genealogico e subordinazione
              3.4 Buoni rapporti domestici per immagini gerarchiche
        4. Patresfamilias, pietas e gerarchia: struttura dell'immagine funeraria
              4.1 Immagini sepolcrali e profili demografici
              4.2 Famiglie sintetiche e accesso alla sepoltura
              4.3 Sepulchra come contesti: un problema più vasto

CONCLUSIONI

CATALOGO
        Roma e dintorni
        Regio VII - Etruria
        Regio VI - Umbria
        Regio V - Picenum
        Regio VIII - Aemilia
        Regio X - Venetia et Histria
        Regio XI - Transpadana
        Regio IX - Liguria

INDICE DEI RIMANDI AI PRINCIPALI CORPORA ICONOGRAFICI
INDICE EI RIMANDI AI PRINCIPALI CORPORA EPIGRAFICI
INDICE DEI LUOGHI
INDICE DELLE COSE NOTEVOLI
BIBLIOGRAFIA