Potere, povertà e politica in Basilio di Cesarea

Prezzo di listino / Regular price $18.00

Tasse incluse / Taxes included

A cura di: Margherita G. Cassia
Anno edizione: 2024
Collana: 
Monografie di Communitas, 1
e-Isbn: 978-88-5491-458-2
Materie:
 Filologia; Storia; Archeologia

Formato: 19 x 25
Pagine: 130

 

Al momento la versione cartacea non è disponibile.

 

Il volume verte su alcuni aspetti specifi­ci della leadership di Basilio, vescovo di Cesarea di Cappadocia, figura carismatica multiforme e polifunzionale, uomo, cristiano, presbitero, vescovo-monaco. Il primo capitolo è dedicato ai sermoni sulla ricchezza che documentano l’esistenza non soltanto di “ricchi” – ansiosi di ostentare il proprio potere attraverso il possesso del superfluo e il soddisfacimento di desideri vani – e “poveri” – schiacciati dai bisogni essen­ziali e dalla ricerca del necessario – ma anche di una fascia intermedia, ampia e variegata, costituita da proprietari terrieri medio-grandi, usurai, burocrati, intellettuali, com­mercianti, speculatori, artigiani specializzati, parvenus relativamente meno facoltosi, ma assai abili a dissimulare, anzi addirittura ad occultare, il proprio benessere economico. Il secondo capitolo, at­traverso l’analisi dello spazio extraurbano di una regione “storica” come la Cappadocia tardoantica, si focalizza sui luoghi cristiani di accoglienza, sostegno e cura dislocati fuori dalle città e destinati a diverse categorie disagiate, costituite non solo da poveri e ammalati, ma anche da anziani bisognosi di vitto, alloggio e cure mediche. Il terzo capitolo reperisce e ordina cronologicamente tutte le occorrenze relative a san Basilio nell’opera di don Luigi Sturzo, distingue fra semplice allusione e citazione letterale del testo del Padre cappadoce e infine valuta l’incidenza che il contesto biografico e storico-culturale del sacerdote siciliano può aver avuto nell’interpretazione del rapporto Chiesa-Stato alla luce della riflessione su alcuni passi delle opere basiliane.


 

Sommario:

Premessa

Avvertenza

1. Dissimulare la vanità e ostentare il possesso: le omelie basiliane sulla ricchezza.

§ 1. La ricchezza: strumento di Dio o strumento del diavolo?

§ 2. Non solo ricchi proprietari: artigiani specializzati e contadini liberi

§ 3. La leadership del vescovo tra potere locale e governo centrale

§ 4. “Ricchissimi” vs “poverissimi”: scomparsa del ceto medio?

2. Strutture assistenziali per poveri e ammalati nella χώρα cappadoce

1. Accogliere, nutrire, curare: non solo Basiliade

2. Siti rurali “polifunzionali”: demografia, carestie e strategie di sopravvivenza

§ 3. La campagna cappadoce in Cirillo di Scitopoli e Teodoro di Petra

§ 4. Ospitalità per indigenti e ricovero per infermi: le fondazioni monastiche

3. Il vescovo e il prefetto: Basilio e Modesto nella riflessione storiografica di don Luigi Sturzo

§ 1. La presenza “allusa” di Basilio

§ 2. Citazione letterale di un’opera basiliana

§ 3. Il rapporto Chiesa-Stato nel vescovo antico e nel sacerdote moderno

Considerazioni conclusive

Bibliografia

Indice onomastico

Indice toponomastico

Indice degli autori moderni

Indice delle figure