Nel segno di Archita. Scritti in memoria di Enzo Lippolis

Prezzo di listino / Regular price $56.00

Tasse incluse / Taxes included

A cura di: Roberta Belli Pasqua, Rita Sassu
Anno edizione: 2023
Collana: Thiasos Monografie, 20
Isbn: 978-88-5491-415-5
eIsbn: 978-88-5491-416-2
Materie: Archeologia
Formato: 21x29,7
Pagine: 392


“Sono passati ormai cinque anni dalla improvvisa e prematura scomparsa di Enzo Lippolis, che ha lasciato un vuoto profondo tra i suoi amici e i suoi allievi e un vuoto non meno incolmabile nel campo degli studi di archeologia classica.
Enzo era un amico fraterno, un collega con cui condividere stimolanti esperienze di lavoro, un docente sempre pronto all’ascolto e all’incoraggiamento, ma soprattutto era un ricercatore “curioso” e interessato a tutti gli aspetti del mondo antico, che analizzava ogni volta con approccio interpretativo critico e personale e con grande rigore metodologico, sia che si trattasse della disamina di un contesto archeologico specifico, sia che fosse l’analisi di un fenomeno culturale o produttivo a carattere più generale. I suoi campi di interesse spaziavano tra le diverse tematiche della disciplina archeologica – da quelle più tradizionali all’architettura e alla topografia -, nel quadro di un ampio arco cronologico e geografico, dalle fasi più antiche della civiltà greca all’età romana, dalla Grecia continentale e insulare alla Sicilia e alla Magna Grecia.
Proprio quest’ultimo ambito disciplinare abbiamo voluto scegliere come focus privilegiato di questo volume, sia perché la Magna Grecia è stata una delle linee di ricerca che Enzo ha perseguito costantemente nella sua vita di studioso, sia perché proprio in Magna Grecia ha mosso i primi passi della sua carriera lavorativa” dalla Introduzione, di R. Belli Pasqua, R. Sassu


Sommario:

G. Rocco, Presentazione

R. Belli Pasqua, R. Sassu, Introduzione

R. Belli Pasqua, R. Sassu, La bibliografia di Enzo Lippolis sulla Magna Grecia

Nel segno di Archita. Scritti in memoria di Enzo Lippolis

Puglia

R. Sassu, L’eredità laconica: elementi spartani nel sistema cultuale tarantino

M. Livadiotti, G. Rocco, Il tempio dorico sotto San Domenico a Taranto

A. Caruso, Riflessioni intorno al ginnasio di Taranto: contesto, fisionomia e funzioni

L. Lepore, Alcune innovazioni musicali a Taranto nel secolo di Archita

A. DAmicis, Considerazioni su alcune epichyseis tarantine dallipogeo di via Fratelli Mellone

G. Abruzzese, Note su tre matrici inedite con antroponimi da Taranto

P. Fileri, Un rivestimento architettonico fittile da San Leucio a Canosa

A. Cocchiaro, Una tomba di Oria fra le monumentali semicamere della Messapia settentrionale

M.T. Giannotta, Forme e produzioni: su alcuni vasi in ceramica sovraddipinta di “Gnathia” dalla necropoli messapica di Manduria (TA)

R. Belli Pasqua, Le colonne romane di Brindisi: analisi iconografica e contestualizzazione

Calabria

R. Spadea, Note a margine della nuova carta archeologica di Crotone

T. Tedesco, La carta archeologica di Crotone antica

A. Sassù, Sotto gli occhi della divinità: la spoliazione delle tegole del tempio di Hera Lacinia alla luce dei recenti studi

V. Tallura, La ceramica a vernice nera dei depositi votivi dellarea sacra di Zeus Saettante di Locri Epizefiri

Campania

A. Borlenghi, Da Paestum a Roma: nuove riflessioni sui “pozzetti” nello spazio forense

G. Vannucci, Fictiles Deae. L’apparato scultoreo del santuario di Fondo Iozzino