A Roma, novembre

Prezzo di listino / Regular price €12,91

Tasse incluse / Include taxes

Autore: Mario Quattrucci
Anno edizione: 1999
Collana: Codici, 2
Isbn: 88-7140-164-6
Materie: Narrativa
Formato: 15x21
Pagine: 232

In una Roma immersa in una insolita nebbia, nel novembre del 1992, un delitto e un suicidio. La vittima dell’assassinio è Nicola Cusano, un economista impegnato per anni come consigliere di alcuni settori statali e governativi e da qualche tempo postosi in disparte. A svolgere le indagini è chiamato il commissario Marè, capo della Squadra Omicidi ma anche amico ammiratore e «discepolo» del professore. Alla ricerca della verità sul delitto, scoprendo e via via dipanando il groviglio di un sudicio intrigo, Marè si trova a compiere un viaggio nella realtà italiana di un anno e di un periodo particolarmente drammatici. Nella quale realtà i personaggi del dramma, - la famiglia del professore assassinato, i suoi avversari ed amici, gli amici del commissario, gli stessi inquirenti – colti nel rivelarsi dei loro sentimenti e passioni –, svolgono ruoli di attori non secondari, cosicché il commissario, seguito ed istradato dal magistrato incaricato del caso, si troverà a fare i conti con alcuni dei più terribili misteri italiani. E con se stesso, e col suo tormentato rapporto con lo stato, di cui è «servitore», e con la storia, da cui si sente abbandonato e tradito. Scritto come un intreccio di antica ascendenza (filtrato dal caleidoscopio della cultura moderna), e narrato in una forma insieme arguta e toccante, colta e popolare, che gira intorno al linguaggio in una specie di giostra fatta di specchi, A Roma, novembre è dunque un giallo con tutti i crismi del giallo. Ma è anche una riflessione sopra la storia italiana dei nostri anni, e sopra la crisi di generazioni, di idee e di valori che l’ha attraversata. La doppia morte è perciò quella di un sogno (che era sogno della ragione) e della generazione che aveva costruito e aveva creduto in quel sogno: sbaragliata dai colpi dei suoi nemici, ferita di sua propria mano.

Sommario:

Mario Quattrucci (Velletri 1936) ha pubblicato quattro volumi di versi: La traccia, con presentazione di Mario Socrate, Editrice La linea, 1983; Oblò appannato, con prefazione di Tullio De Mauro, Biblioteca Cominiana, 1989; Materia del contendere, con prefazione di Filippo Bettini, Edizioni Quasar, 1992; Perché un occhio l’osserva, idem 1994. Dirige per le Edizioni Quasar le collane di poesia Gemina e Segmenti. Si è occupato di teatro, arti visive, cinema. Ha collaborato con vari giornali e riviste, tra cui Paese Sera, Ricerche, L’Unità, Rinascita. A Roma, novembre è il suo primo libro di narrativa.