I borghi d'altura nel Caput Adriae - Il perdurare degli insediamenti dall'età del ferro al medioevo

Prezzo di listino / Regular price €20,00

Tasse incluse / Include taxes

A cura di: G. Cuscito, F. Maselli Scotti
Anno edizione: 2004
Collana: Antichità Altoadriatiche, 56
Isbn: 88-88018-22-0
Materie: Archeologia
Formato: 17x24
Pagine: 382

Questo testo raccoglie gli atti del Convegno internazionale: "I Borghi d'altura nel Caput Adriae. Il perdurare degli insediamenti dall'età del ferro al medioevo". L'appiattimento terminologico all'interno delle fonti tardoantiche e altomedievali costituisce un forte impedimento per riconoscere le varie forme di castelli presenti sul territorio, così che rimangono largamente inesplorati i problemi relativi alla loro origine e alla loro funzione: tali problemi vanno affrontati da un punto di vista archeologico, proponendo le varie tipologie delle strutture difensive e degli edifici pubblici e privati attraverso un censimento di tutti i castra noti dalle fonti e una ricognizione sul terreno. Per questo si è preso lo spunto dall'intervento di scavo, di restauro e di musealizzazione a Muggia Vecchia, sito frequentato con continuità o con rioccupazioni dalla prima età del ferro al Quattrocento, per approfondire varie tematiche archeologiche, storiche e di conservazione dei siti di altura pluristratificati anche in riferimento agli esiti delle più recenti ricerche che la comunità scientifica sta conducendo in ambito nazionale e internazionale.

Sommario:

Premessa. Diario. Introduzione ai lavori. F. Maselli Scotti, Muggia Vecchia: le frequentazioni più antiche; M. Laudato, Muggia Vecchia - Castrum Muglae: indagine di un sito d'altura tra Alto e Basso Medioevo; A. Borzacconi, I reperti ceramici rinvenuti nel sito di Muggia Vecchia:considerazioni archeologiche e archeometriche; G. Cuscito, La basilica di S. Maria a Muggia Vecchia; B. Mader, Basilica di S. Maria Assunta in Muggia Vecchia: i restauri della "Commissione centrale per la ricerca e la conservazione di monumenti storici ed artistici" di Vienna tra 1900 e 1907; B. Županek, Exploring visibility: a case of late roman hillforts in Ljubljana region; E. Possenti, I siti fortificati dell'Italia alpina nord-orientale (Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia): elementi comuni e peculiarità regionali in un' epoca di transizione (IV-VIII secolo); G. Bigliardi, L'insediamento fortificato d'altura nel Caput Adriae: dati distributivi e problemi di continuità cronologica; C. Magrini, Tipologia abitative e tecniche costruttive negli insediamenti d'altura nell' arco alpino orientale tra Tarda Antichità e Altomedioevo; I. Carabellese, F. Dentamaro, T.M. Massarelli, L'insediamento medievale di Uggiano (Matera); A. Frondoni, Recenti interventi di restauro, indagine archeologica e valorizzazione nei castra della Liguria; F. Dentamaro, M. Ieva, Isabella Spadavecchia, La collina del castello di Canosa (Bari): problematiche di un sito pluristratificato, dallo scavo alla musealizzazione; L. Cervigni, C. Malaguti, P. Riavez, La città fortificata di Dvigrad/Duecastelli (Istria): elementi archeologici di continuità insediativa dall' Altomedioevo al XVII secolo; L. Miclaus, I borghi d'altura istriani: dinamiche insediative tra Tardoantico e Altomedioevo; P. Ventura, B. Žbona Trkman, Gorizia, Monte Sabotino, il complesso di San Valentino indagini archeologiche e aspetti conservativi; G. Cuscito, Studi su Castelseprio di Mario Mirabella Roberti; A. Surace, A Castelseprio cinquant'anni dopo; M. Guštin, Insediamenti e borghi d'altura in Slovenia; G.P. Brogiolo, La ricerca archeologica sui castelli in Italia; M. Grattoni D'Arcano, F. Piuzzi, L'evoluzione storica del castello della Motta di Savorgnano. Il luogo nell' ambito del "Parco Archeologico della Terra dei Castelli"; T. Zoppi, La ricerca archeologica attraverso l'informatizzazione dei dati di scavo; G. Marchese, Tecniche e tipologie edilizie: problemi aperti e prospettive di ricerca; C. Brancati, Nicole Juglaire, Il recupero dei reperti del castello della Motta di Savorgnano: l'analisi scientifica e il restauro; S. Santoro, Castelraimondo II. La sfida comunicare la complessità; F. Pieri, Il Parco Archeologico di Muggia Vecchia.