Ex Pluribus Unum. Studi in onore di Giulia Sfameni Gasparro

Prezzo di listino / Regular price €100,00

Tasse incluse / Include taxes

A cura di: Concetta Giuffrè Scibona, Attilio Mastrocinque
Anno edizione: 2015
Isbn: 978-88-7140-597-1
Materie: Storia delle religioni
Formato: 17x24
Pagine: 506

Il volume è un omaggio a Giulia Sfameni Gasparro, illustre studiosa, eminente rappresentante in Italia e all’estero della scuola italiana di Storia delle Religioni. Un dono corale che studiosi di diverse ed eterogenee impostazioni metodologiche, uniti in comune afflato di stima e amicizia, vogliono offrire con contributi significativi e originali di Filologia, Storia antica, Storia delle religioni, Storia del Cristianesimo. Le tematiche spaziano dalle religioni del Vicino Oriente antico alla Grecia arcaica, all’età ellenistico-romana, al cristianesimo, allo gnosticismo, al manicheismo, all’ermetismo oltre che a questioni di tipologia e metodologia e sono opera di eminenti studiosi italiani e stranieri. Il volume presenta altresì la bibliografia completa della studiosa e si conclude con la presentazione di un lavoro inedito di U. Bianchi, nell’ultimo saggio di N. Spineto. Un’opera preziosa per la ricchezza e la specificità dei contributi, e per il panorama inedito offerto dall’insieme degli studiosi presenti.

Sommario:

Prefazione, C. Giuffré Scibona, A. Mastrocinque; Giulia Sfameni Gasparro, a cura di M. Monaca; Testimonianza per Giulia Gasparro, V. Fera. I. Grecia, Roma, Iran e Mesopotamia, Ellenismo, Tardo-antico: M.V. Cerutti, La “via ai Beati”. Suggestioni storico-religiose dalla Philosophia ex oraculis di Porfirio; S.M. Chiodi, Religione o religioni in Mesopotamia? Il caso di Sumer; N. Cusumano, Costruire un culto etnico: il santuario «indigeno» dei Palici in Sicilia. Aspetti storico-religiosi, problemi metodologici; G. Filoramo, Dio/dèi tra verità e potere. Riflessioni su alcuni aspetti del monoteismo tardoantico; M. Herrero de Jáuregui, Lo svenimento di Ettore; A.I. Jiménez San Cristóbal, Thiasoi in the Netherworld; A.M. Mazzanti, Il logos nell’uomo. Un’indagine sul libro della sapienza; M. Monaca, Da «Saggezza olimpica e mistica eleusina» a «Misteri e Teologie». Annotazioni storico religiose; C. Moreschini, Alcune osservazioni sull’uso delle fonti antiche nel De harmonia mundi di Francesco Zorzi; S. Ribichini, Statue greche e culti fenici; J. Ries, La doctrine zoroastrienne de la survie, de l’immortalité de l’âme et de la rénovation du monde; T. Sardella, Sacrificare agli dei /sacrificare a un dio: il caso di Elio Aristide; E. Suárez de la Torre, Himno(s)-plegaria a Hermes en los papiros mágicos griegos; C.O. Tommasi Moreschini, Il sole dai sette raggi: eredità antica di un’immagine nella Zauberflöte; M. Tortorelli Ghidini, Il volo dell’anima. Riflessioni sullo sciamanesimo greco; G. Tosetti, Il dono di un canto divino: considerazioni storico-religiose sulla poesia aedica come modalità di comunicazione fra dèi e uomini nella letteratura greca arcaica. II.Cristianesimo, ermetismo, gnosticismo; C. Aloe Spada, Aspetti magici nella gnosi mandea; M.A. Barbàra, Prospero di Aquitania rappresentante dell’agostinismo nel V secolo; R. Barcellona, Da Apollo a Cristo. L’invocazione proemiale nel carme XVI di Sidonio Apollinare; M. Cannatà Fera, Tra agiografia, politica e retorica. La Vita di Cirillo Fileota; G. Chiapparini, La dottrina del Plèroma dello gnostico Valentino e della sua scuola: istanze moniste e dualiste; B. Clausi, Una praemunitio nell’Adversus Iovinianum? La funzione polemica del commento a 1Cor 7 in 1,7-15; A. Cosentino, Gnostici encratiti o libertini?; L. De Salvo, Il potere civile del vescovo: il caso di Agostino; C. Gianotto, Tendenze mistiche in alcuni testi di Nag Hammadi; C. Magazzù, La parabola della dracma perduta (Luca, 15, 8-10) nell’esegesi patristica: da Ireneo di Lione ad Agostino; M. Meyer, Three Figures of Judas (after Borges); V. Milazzo, Verginità e sacrificio. Agnese in Damaso, Ambrogio e Prudenzio; A. Panaino, Una stessa divinità? Cristiani e Mazdei dinanzi alla necessità di invocare un dio comune; G. Piccaluga, La ricetta che guarisce e salva; P. Scarpi, La parola e la scrittura nella tradizione ermetica; M. Toti, Note sul significato simbolico ed antropologico del metodo di orazione esicasta (XIII-XIV secolo). III. Metodologia, Tipologia e Storia degli studi: G. Casadio, Mystical Politics versus Political Mysticism: Use and Misuse in History; E. Montanari, Eros e cristianesimo nel Diario portoghese di Mircea Eliade; F. Mora, Il peccato di Dio nella tetralogia wagneriana; N. Spineto, Raffaele Pettazzoni, Mircea Eliade e il dibattito fra storicismo e fenomenologia. Un inedito di Ugo Bianchi.