Riscoprire Iulia Concordia. Nuovi dati da vecchi scavi: il Fondo Frattina

Prezzo di listino / Regular price €30,00

Tasse incluse / Include taxes

A cura di: E. Pettenò, A. Vigoni
Casa editrice: Fondazione Antonio Colluto
Anno edizione: 2015
Collana: L'Album, 19
Isbn: 978-88-89524-71-8
Materie: Archeologia
Formato: 21x29,7
Pagine: 216

Il volume è pubblicato nella Collana L’Album, dedicata alla memoria del generale Antonio Colluto, tra i fondatori nel 1982 e primo presidente del Gruppo Archeologico del Veneto Orientale. Riguarda le indagini archeologiche che portarono, nel breve arco di tempo tra il 1877 e il 1881, alla riscoperta della forma urbana della colonia romana, il cui esito fu una planimetria affidabile e completa della città antica. Il momento centrale fu costituito dalle ricerche presso il Fondo Frattina, che individuarono un canale navigabile attraversante il centro urbano da oriente a occidente: dallo scavo del letto furono raccolti centinaia di oggetti che confluirono nel 1881 nel Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro. Protagonisti furono Dario Bertolini, avvocato portogruarese e poi Regio Ispettore per le Antichità, e Giacomo Stringhetta, operaio concordiese amante del passato della sua città. Il libro, corredato di molte foto, illustrazioni e tavole, è strutturato in due parti. Nella prima Elena Pettenò, già direttrice del Museo Nazionale Concordiese, analizza i dati tracciando una storia degli studi e una storia dello scavo, partendo dai dati cartacei: amministrativi, archivistici, epistolari, contabili per arrivare ad un intreccio con quelli archeologici, raffigurando poi un quadro d’insieme che dipinge luoghi, paesaggi, situazioni, personaggi. Nella seconda parte Alberto Vigoni, ricercatore della realtà concordiese, fornisce un ampio ed articolato resoconto sulle aree di scavo, sulle strutture ritrovate e sui materiali. Segue il catalogo dei reperti, taluni di rilevante importanza, come Bertolini stesso ebbe a dire al tempo della prima scoperta. Il catalogo dei reperti è seguito dal repertorio delle fonti, documenti inediti conservati nell’Archivio del Museo Nazionale Concordiese.

Sommario: