Sepolture arcaiche della pianura emiliana - Il riconoscimento di una società di frontiera

Prezzo di listino / Regular price €30,00

Tasse incluse / Include taxes

Autore: Lorenzo Zamboni
Anno edizione: 2018
Collana: Reditus, 1
Isbn: 978-88-7140-893-4
Materie: Archeologia
Formato: 21x29,7
Pagine: 280

La presenza umana tra l'Appennino e la valle del Po nel VI secolo a.C. ha costituito a lungo un «mal noto episodio», a causa dei caratteri elusivi delle sue testimonianze funerarie. I sepolcreti emiliani del periodo arcaico, emersi dal terreno fin dalla seconda metà dell'Ottocento, avevano attirato l'attenzione di generazioni di peletnologi ed etruscologi, senza però essere stati oggetto di indagini sistematiche. La recente scoperta di nuovi nuclei di tombe, in occasione dei lavori per il tratto Alta Velocità Milano-Bologna, ha indotto a riconsiderare il problema nella sua interezza, impostando un catalogo di siti e corredi funerari. Il loro inquadramento complessivo ha poi offerto l'occasione per una discussione delle diverse tipologie di materiale, e per una più ampia riflessione sui modelli interpretativi storico-sociali. Il volume costituisce il primo numero della collana Reditus - Riflessioni di Archeologia, dedicata al recupero e alla riedizione di importanti contesti archeologici.

Sommario:

Introduzione I. Scoperte e attribuzioni II. Antefatto. L’Emilia occidentale nella prima età del Ferro III. Catalogo dei contesti Provincia di Piacenza Provincia di Parma Provincia di Reggio Emilia Provincia di Modena IV. Analisi dei materiali V. Analisi dei contesti 1. Cronologia delle sepolture 2. I rituali funerari 3. Il costume funerario VI. Interpretazioni 1. L’aspetto funerario nel quadro del popolamento emiliano di VI secolo a.C. 2. Riconoscersi nella morte 3. Conclusione. Una frontiera aperta Abstract Archaic Burials in the Emilia Plain- The Recognition of a Boundary Society Referenze iconografiche Sigle Bibliografia Indici analitici